Io mica lo conoscevo poi tanto Marco Anghileri (Butch e il chiodo)

di Paolo Trezzi Io mica lo conoscevo poi tanto Marco Anghileri. Sapevo solo che era il papà di Giulio, un compagno di pallone del mio ragazzino ai tempi dell’Aurora. Si sapevo che era… Continua a leggere

Le linee effimere della Torre Egger

di Stefano Lovison   “Torno a casa ma ho già voglia di ripartire. Ho capito qual è il senso di una spedizione. E’ salire una montagna andando oltre. E’ distaccarsi dalla cima da… Continua a leggere

The fog of war

  di Gregory Crouch   […] Cerro Torre, 1994.   I francesi  David Autheman, Patrick Pessi, e Frédéric Vallet tentano la quinta salita della via dei Ragni di Casimiro Ferrari. Tutti e tre sono… Continua a leggere

Basso Ghiaione

di Andrea Gobetti  Albert Camus diceva che, apparendo la vita brevissima, un modo sicuro di allungarla fosse quello di ascoltare lunghe conferenze in una lingua che non si conosce, viaggiare in piedi su… Continua a leggere

Sentieri d’amore? No, grazie

di Claudia Bollati La folgorazione l’ho avuta da un pezzo, saranno passati vent’anni: me l’ha data Camoscetto. Persa l’ultima funivia possibile per calare dalla Rosetta, con mezze Pale che ci accompagnavano giù verso… Continua a leggere

‘Lorenzo Massarotto – Le vie’, il nuovo libro di Luca Visentini

“Lorenzo Massarotto io l’ho incontrato soltanto sei volte. E tutte nell’ultimo anno della sua vita. Gli proposi questo libro, su tutte le sue vie (ne ho accertate sinora 120) e su tutte le… Continua a leggere

L’Alpinismo? È la libertà di sbagliare

“Un bivacco imprevisto nella notte gelata: la vita non mi ha mai più donato un sapore così buono”. E dopo il ritorno da Auschwitz l’autore di “Se questo è un uomo” cerca una… Continua a leggere

La lunga via verso l’infinito

di Roberto Mantovani “Frugando tra i miei quaderni dell’epoca, ho scovato un appunto che avrei poi utilizzato per scrivere un articolo. Proprio a casa di Renato, dopo una lunga intervista, a caldo, avevo… Continua a leggere

Ansia Septumaniaca

di Marina Morpurgo Ansia Kammerlander è la fantomatica sorella del famoso (e per nulla fantomatico) alpinista altoatesino Hans Kammerlander, intrepido conquistatore di diversi Ottomila. Ansia è la pecora nera della famiglia – al punto… Continua a leggere

Salire lassù, l’orgoglio dei poveri

E sulla vetta, tè e pomodori    di Mario Fossati (Dall’archivio di Repubblica, 1994).  “Caro Fossati, è morto Ugo Tizzoni, grande alpinista. Soltanto i “Ragni” di Lecco e i monzesi dei “Pell e Oss”,… Continua a leggere

Aiguilles des Grands Charmoz e du Grépon

Aiguilles des Grands Charmoz e du Grépon di Davide Scaricabarozzi   Le Aiguilles di Chamonix costituiscono da sole una vera e propria catena di montagne, un massiccio dentro il massiccio. Hanno grosso modo… Continua a leggere

Schirata

di Stefano Lovison ‘Forte… forte a ciodàr. L’era ingegnèr. Specializzato in strutture reticolari, e così anche in parete. Un chiodo qui, una lametta di qua, questo piantà an cìn de là, collegato con… Continua a leggere

No place for brass monkeys

Così, la diapositiva con l’espressione stravolta dalla sete che sorprese Alessandro Gogna durante la salita del Nose al Capitan, compiuta assieme a Marco Preti e a Franco Perlotto, mi fu rivelatrice di come,… Continua a leggere

Gli Archivi Ritrovati di Giuseppe Miotti

Se ricordo chi fui, diverso mi vedo e il passato è il presente della memoria. Chi sono è qualcuno che amo, ma soltanto nei sogni. Nulla se non l’istante mi riconosce. Nulla il… Continua a leggere

Donnafugata

Donnafugata non è solo quel luogo misterioso che è la dimora estiva di Don Fabrizio Salina nel Gattopardo. E’ anche  una via grandiosa di roccia che ripercorre le tracce dei più grandi alpinisti in una parete storica. C’è… Continua a leggere

Io e la montagna: sette fotografi si raccontano

di Andrea Gasparotto   “Valli e vette nell’era della foto digitale” La montagna e la fotografia sono legate indissolubilmente fin dalla nascita di quest’ultima. Fin dalle prime immagini di fine ‘800, spesso popolate… Continua a leggere

Incontinente

di Giorgio Madinelli … Un banale inciampo, forse una radice, gli fece perdere l’equilibrio: dovette battere a terra la mano che teneva il Sistema di Posizionamento Globale, il quale gli sfuggì, rotolò qualche… Continua a leggere

Cerro Fortaleza

Alla fine del 1989, un piccolo gruppo di alpinisti bellunesi guidati da Bruno De Donà è alle prese con il Cerro Fortaleza, una imponente montagna nel gruppo delle Torri del Paine. Per più… Continua a leggere

2012 in review

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2012 per Alpine Sketches. Ecco un estratto: 4,329 films were submitted to the 2012 Cannes Film Festival. This blog had 48.000 views… Continua a leggere

Auguri!

“That cornice looks a bit dodgy, Rudolph”. (BMC) Alpine Sketches vi augura buon Natale e un felice 2013!

Tempo per respirare

di Stefano Lovison Montagna vissuta, vista, sognata… tempo per respirare. Citando Reinhard Karl, Alpine Sketches si ferma qui.

Agnèr, il Gigante con il cuore

Agner, in questa regione delle Dolomiti, è un termine che significa “pascolo per gli agnelli”. Il Monte Agner, sul suo versante nord, dall’altro lato dei pascoli, ha tutta l’aria di un ciclope. Le sue pareti… Continua a leggere

The Nose: tra sogno e leggenda

di Luca Biagini Quasi due secoli sono passati dalla prima comparsa dell’uomo bianco in questa valle celebre in tutto il mondo – prima il luogo era frequentato solo dalla tribù degli Ahwahnee, ma… Continua a leggere

Montagne di luce: Thalay Sagar

di Stefano Lovison Situato alla testata dei ghiacciai Kedar e Kirti, il Thalay Sagar è una delle montagne più affascinanti non solo del  Garhwal indiano ma del mondo. È la seconda montagna più… Continua a leggere

Permalink

Originally posted on Alpine Sketches:
di Lorenzo Frusteri Il ragazzo chiuse finalmente gli occhi, abbandonandosi alla stanchezza ed alla curiosa angoscia che dormire in quel posto così strano gli dava. Nell’enorme atrio dell’aeroporto…